Conferenza nazionale sull’agricoltura: messaggio del Presidente Abdelaziz Bouteflika

Il Presidente della Repubblica, Abdelaziz Bouteflika, ha inviato un messaggio lunedì in occasione della Conferenza nazionale sull’agricoltura. Di seguito estratti del testo integrale.

Signore e signori,

È per me un piacere rivolgermi a voi, comunità di agricoltori che partecipa a questa conferenza insieme a una schiera di esperti e di competenze nazionali.

Non potrebbe essere altrimenti visto che la nostra campagna è stata nel corso dei secoli, il crogiolo di tutte le mobilitazioni nazionali dall’opposizione agli invasori fino alla gloriosa Rivoluzione del 1 ° novembre pasando per i movimenti di resistenza contro il colonialismo francese.

Parlare di campagna e agricoltura nel nostro paese non può limitarsi al solo aspetto economico. È davvero un’occasione per riaffermare la gratitudine dell’Algeria, popolo e Governo, alla campagna e alle sue onorevoli famiglie che hanno portato la rivoluzione nel petto, rafforzato le sue fila e sopportato con coraggio la repressione del colonialismo barbaro per il paese e la libertà. Questa stessa campagna, che ha sofferto anche i tormenti di un abietto terrorismo e le prove della tragedia nazionale.

…………….

Signore e signori,

Partendo dalla gratitudine e dell’interesse dello Stato per le nostre campagne e la nostra agricoltura, l’Algeria indipendente ha reso questo dossier una delle sue priorità fondamentali per il recupero della sovranità nazionale sul suo territorio e il sostegno al fellah nei suoi sforzi e il suo contributo alla ripresa economica del paese.

È vero che il settore agricolo ha patito enormemente la crisi attraversata dall’Algeria vent’anni fa, le difficoltà finanziarie che hanno costretto lo Stato a ritirarsi dall’attività agricola senza mettere in atto un’alternativa sufficiente. Difficoltà esacerbate dagli orrori di un abietto terrorismo e dalle sofferenze causate dalla tragedia nazionale, compreso l’esodo dalle campagna.

Ma, grazie a Dio, l’Algeria è stata capace, dopo tutte queste prove, di recuperare la sua stabilità grazie alla concordia civile e alla riconciliazione nazionale, ed è stata in grado di mobilitarsi per portare avanti la ricostruzione nazionale in tutti i campi, compreso il settore nevralgico dell’agricoltura e dello sviluppo rurale.

…………

Signore e signori,

Rivolgendomi a voi oggi, sono soddisfatto dei progressi compiuti dall’Algeria nello sviluppo agricolo, grazie a tutti voi, anche se questi risultati richiedono sforzi ulteriori per garantire la sicurezza alimentare al nostro popolo e accrescere l’apporto dell’agricoltura alla crescita nazionale e alla diversificazione economica.

I risultati registrati dal settore agricolo sono encomiabili date le difficoltà e gli ostacoli che ostacolavano questa attività.

In realtà, l’agricoltura rimane ampiamente dipendente dalle precipitazioni, nonostante lo sforzo dello Stato di costruire dighe, perché il nostro paese è confrontato ai cambiamenti climatici e l’attività agricola necessita dell’uso su larga scala di tecniche moderne di irrigazione e di risparmio idrico.

Inoltre, l’economia agricola soffre di una debole strutturazione che espone questa attività fondamentale alla speculazione. Un problema di cui devono occuparsi il settore e i suoi attori per attribuire un maggiore interesse ai loro dirigenti, in particolare le camere e le associazioni professionali, per preservare i loro interessi e permettere alla nostra società di beneficiare dello sforzo degli agricoltori e delle loro fatiche.

Oltre a queste carenze, vi è il disinteresse da parte dei giovani alle attività agricole e il ricorso insufficiente ai mezzi tecnici garantiti dallo Stato.

………….

Signore, signori,

Attraverso queste osservazioni che ho ritenuto opportuno condividere con voi in questa occasione, aspiro a consolidare l’integrazione dell’economia nazionale, un’integrazione di cui l’agricoltura è parte integrante e di cui ha molto bisogno.

Questa complementarità tra i diversi settori dell’economia nazionale è in grado di garantire un ambiente incentivante per l’agricoltura nel nostro paese, un ambiente che sfrutta maggiormente il potenziale delle nostre vaste terre e innalza il livello sociale dei lavoratori e delle lavoratrici rurali e dell’agricoltura in generale.

Farò in modo, in questo senso, che lo stato sostenga, con tutte le sue capacità, l’attività agricola per spingerla verso maggiori progressi.

In conclusione, ci tengo ad augurare il più grande successo alle vostre imprese  al servizio dello sviluppo del nostro paese e la consacrazione dell’Algeria dell’orgoglio e della dignità in tutte le sue terre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.