Yaoum El Ilm: messaggio del Presidente della Repubblica

“Nel nome di Allah, il Clemente e il Misericordioso,

Possano le preghiere e la pace di Allah essere sul suo Messaggero,

Signore e signori,

Per noi ormai è una tradizione celebrare la Conoscenza il 16 aprile di ogni anno, che coincide con la scomparsa del simbolo del rinascimento algerino, lo studioso Sheikh Abdelhamid Ben Badis, che Allah lo riempia con la sua Santa Misericordia nel suo vasto paradiso.

Il nostro paese ha dedicato questo anniversario per celebrare la conoscenza e il pensiero, valorizzare la Scienza e commemorare la Storia.

Orgoglioso della sua religione, del suo essere Amazigh e della sua identità araba ancestrale, Cheikh Ben Badis ha attinto gli alti valori nazionali della civiltà di cui i luoghi del nostro vasto paese erano la culla. Tutte queste fonti di gloria e di orgoglio, lo hanno ispirato nel metodo di lavoro, nel piano di riforma e nella linea d’azione.

Signore e signori,

Il movimento riformista avviato dallo sceicco Abdelhamid Ben Badis è stato un importante catalizzatore del sussulto del popolo algerino per il riconquista della sua sovranità nazionale e della sua piena e totale indipendenza.

In effetti, dobbiamo ricordare che il lavoro dello sceicco Ben Badis è stata una in risposta al tentativo di cancellare la nostra personalità e la nostra identità da un colonizzatore che celebrava il bottino del suo centenario di colonizzazione.

Lo sceicco Ben Badis e i suoi compagni hanno, infatti, svolto un ruolo cruciale nella preservazione delle componenti della nostra personalità nazionale, così curando il lavoro delle madri algerine nella preservazione della religione, delle tradizioni e della personalità tra le generazioni che scoprivano la vita sotto l’oscurantismo coloniale e la sua multiforme oppressione.

Signore e signori,

Grazie a Dio, alla volontà del nostro valoroso popolo, alla resistenza ed al sacrificio del nostro National People’s Army (ANP), degno erede dell’Esercito di Liberazione Nazionale (NLA), l’Algeria è emersa prendendo la via giudiziosa della Concordia civile e della Riconciliazione nazionale, una scelta ispirata alla nostra santa religione e la cultura del giusto equilibrio per la promozione alla cui ha lavorato lo sceicco Abdelhamid Ben Badis.

È con serenità e stabilità che l’Algeria si è riappropriata dell’eredità civilizzatrice e culturale di Sheikh Abdelhamid Ben Badiset nell’ambito e del programma di ricostruzione nazionale, che ho fatto in modo di avviare con il sostegno del nostro valoroso popolo.

Signore e Signori,

Celebrando ancora una volta “Yaoum El Ilm”, abbiamo il diritto di essere orgogliosi dei risultati dell’Algeria per la consacrazione del messaggio fondamentale per il quale lo studiso Sheikh Abdelhamid Ibn Badis ha militato, il messaggio di identità, di autenticità e di moderazione. Un messaggio che ha contribuito al’insorgere della gloriosa rivoluzione di novembre.

Un messaggio che ha presieduto alla costruzione e alla costruzione culturale, civilizzatrice e spirituale dell’Algeria. Un messaggio che, oggi e domani, deve rimanere al centro della nostra mobilitazione per la costruzione e la conservazione dell’Algeria, forte e dignitosa.

Questi sono i valori che dobbiamo evidenziare e i doveri ai quali dobbiamo rimanere legati per servire l’Algeria.

Infine, prego Dio di colmare l’Algeria delle sue benedizioni e di diffondere la pace, la sicurezza e la serenità in tutto il suo territorio per un presente sereno e pacifico e un futuro prospero e radioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.