S.E L’Ambasciatore inaugura una targa commemorativa con il nome di Alì Piccinin nella città italiana di Massa:

“Alì Piccinin simbolo della Comunione che lega da duemila anni l Italia e L’ Algeria , nello specifico Massa ad Algeri ,deve essere monito per un dialogo tra i popoli di pace, di collaborazione e di arricchimento culturale che parte dal sistema educativo già nei bambini.”

É questo il messaggio che ha accompagnato oggi la visita di S.E. L’Ambasciatore Abdelhamid Senouci Bereksi nel Comune di Massa ripercorrendo le orme del piccolo Alì. Alle ore 10.30 una targa commemorativa é stata inaugurata nella località originaria di Alì Piccinin a Mirteto in presenza dell Assessore alla Cultura del Comune di Massa Elena Mosti, del Presidente della Provincia di Massa Gianni Lorenzetti e di una delegazione di emozionanti ed entusiasmanti studenti che hanno reso omaggio a S.E. L’ Ambasciatore e ad Alì Piccinin attraverso il suo più alto narratore Riccardo Nicolai.

A seguire una visita al Palazzo Ducale di Massa, che ha visto i saluti istituzionali anche del Questore Giuseppe Ferrari, del Vice Prefetto Giuseppe La Rosa e del Sindaco Alessandro Vulpio scanditi da intervalli musicali eseguiti da alunni del liceo artistico dove hanno espresso la loro estrema bravura anche nel creare ed eseguire un brano in onore dell’Algeria.

Giornata mondiale per vivere insieme in pace:

In questo contesto, l’Ambasciatore ha affermato che questo evento è il quadro appropriato per la celebrazione della Giornata internazionale per la convivenza in pace, la giornata adottata all’unanimità l’8 dicembre 2017 alle Nazioni Unite sull’iniziativa dell’Algeria di rendere il 16 maggio di ogni anno una Giornata mondiale per vivere insieme in pace sottolineando che la convivenza della comunità algerina residente in Italia con la società italiana è la vera immagine della convivenza positiva tra i due paesi, da dialogo, armonia, comprensione e rispetto reciproco.
Alla fine S.E. L’Ambasciatore ha effettuato una visita guidata con le autorità della città al Castello Malaspina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.