Apertura dei lavori della riunione sul tema “La lotta contro il finanziamento del terrorismo in Africa

Lunedi 9 aprile 2018 ad Algeri ​​sono stati aperti, i lavori della riunione di alto livello sulla “lotta contro il finanziamento del terrorismo in Africa” con la partecipazione di rappresentanti degli Stati africani, organizzazioni ed esperti internazionali che hanno affrontato questioni di interesse strategico che preoccupano gli Stati, nonché i mezzi e i metodi di lotta al terrorismo.

L’incontro è stato co-presieduto dal Ministro degli Affari Esteri algerino Abdelkader Messahel e dal Vice Direttore del Centro africano per gli studi strategici e le ricerche sul terrorismo (CAERT), Idris Lallali, in presenza dei delegati dei Paesi membri dell’Unione africana (UA), delle Nazioni Unite (ONU), dell’Unione europea (UE) e di altre organizzazioni internazionali e regionali attive nella lotta contro il terrorismo e il suo finanziamento .

Nel suo discorso di apertura, il Ministro Messahel ha dichiarato che “ospitando questo incontro di alto livello e in co-organizzazione con l’UA, il mio paese tiene a sottolineare ancora una volta il suo impegno permanente nelle lotta globale contro il terrorismo, e in particolare, la sua solidarietà con tutto il nostro continente, in un momento in cui quando un numero crescente di paesi africani subisce già o è bersaglio di minacce terroristiche “.

Il Ministro ha anche sottolineato che l’Africa ha bisogno di sviluppare una strategia coerente contro il terrorismo nelle sue diverse dimensioni, compresa l’integrazione del ruolo di sviluppo economico e sociale, la modernizzazione delle economie, l’incoraggiamento della trasparenza e la promozione delle economie, l’incoraggiamento della trasparenza e la promozione della buona governance.

Dal canto suo, intervenendo in apertura della riunione, il rappresentante del CAERT Sig Lallali, ha sottolineato che “nonostante i notevoli progressi nella lotta contro il terrorismo negli ultimi due decenni, sia livello continentale che internazionale, la minaccia terroristica continua a crescere in modo esponenziale “.

La riunione di due giorni che vede  la presenza dei rappresentanti dei cinque paesi membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e del Canada fa parte degli sforzi di combattere il terrorismo nella regione del Sahel, rafforzare il coordinamento e la consultazione tra i paesi africani e discutere dei problemi di sicurezza, come la lotta al terrorismo, la de-radicalizzazione, la tratta di esseri umani, la droga e il contrabbando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *